• S&P – L’indice sta puntando verso l’obiettivo in area 2.930 pari al 61,8% del recupero del range 3.400/2.170 punti. In questo momento il supporto passa a 2.750 dove si è fermato settimana scorsa. In caso di superamento dei 2.930 si aprirebbe una nuova fase rialzista con target a 3.000 punti.
• VIX – Rimane in area 35 punti, da sottolineare come si sia abbassata la back, al momento le quotazioni maggio e giugno sono praticamente sugli stessi valori 35/36.
• DAX – Sta seguendo il rimbalzo degli indici americani possibile obiettivo si trova a 11.500 dove chiuderebbe un gap, possibile un forte impulso in correlazione agli indici Usa.
• FTMIB – Rimane il più debole degli indici studiati al momento non è ancora riuscito a recuperare il 38,2% del range massimi febbraio/minimi marzo che transita a 18.500 punti.
• DJ Auto – Bel recupero anticipa un recupero sul settore che dal punto di vista economico sembra essere ancora molto distante.
• EUR/USD – Ha fatto nuovi minimi mensili scendendo fino a 1,0737 venerdì scorso al momento è in recupero con forte resistenza ad 1,10.
• USD/CNH – Ha subito la forza del dollaro rimanendo in un range molto stretto, parte alta sempre 7,12 il cui superamento porterebbe a 7,15 ed al contrario solo una vera accelerazione verso i 7 darebbe un segnale di continuazione del recupero in atto sui metalli non ferrosi.
• GBP/USD – Ha rotto una trendline di breve periodo per cui potrebbe tornare in area 1,22 dopo aver sfiorato il target indicato a 1,2750.
• EUR/CHF – Rimane sotto pressione in area 1,0550.
• AUD/USD – Molto importante la correlazione di questo cross con l’indice azionario S&P 500 nel suo movimento ha recuperato il 61,8% del range annuale anticipando gli indici azionari e prova la ripartenza che sta avvenendo in Cina.
• ORO – Fortissimo sfiora il target più volte indicato a 1.800 dollari per oncia, confermiamo che le flessioni sono momenti d’acquisto per questo bene rifugio, meglio in area 1.580/1.650 dollari.
• ARGENTO – Dopo aver sfiorato i 16,50 dollari per oncia, torna a scendere confermandosi più debole dell’oro.
• OIL – Lunedì scorso giornata storica per il petrolio che sulla scadenza di maggio arriva a – 40$ al barile, per cui range al momento deve considerare un valore con il meno davanti vale a dire -35/20.
Metals al rialzo su start settimanale con copper ancora over @5.200$. Aspettiamo conferme settimanali.
• RAME – Settimana stabile, con volumi scambiati relativamente più bassi rispetto alle scorse sedute. Si sono confermate le resistenze @5.200$ e @5.250$ di breve termine (dove si è registrato inoltre un “doppio massimo”), e si sono viste vendite significative con ritorno delle quotazioni al supporto weekly @5.130$ e @4.970$ (min. @4.950$). Stamattina apre di nuovo in lieve forza in area @5.200/5.230$. Confermando ancora però il quadro appena descritto. Restano quindi validi, al momento, i livelli di supporti e resistenze indicati la scorsa week.
• ALLUMINIO – Registra una settimana abbastanza neutrale con pochi movimenti di rilevo, sempre in area @1.500$ alla tonnellata. Apre questa settimana in lieve denaro, con ritorno delle quotazioni @1.520$. Restano confermate le resistenze della scorsa settimana, ovvero @1.530$ e @1.550$. Supporti li troviamo @1.480$ e @1.450$. Potremmo aver visto nelle scorse settimane l’area di minimo. Volumi stabili.
• ZINCO – Stabile, tendente al ribasso per tutta la settimana con pochi movimenti di rilievo tra i @1.865$ e i @1.910$. Su start settimanale apre in forza in area @1.925$, ma per un cambio di trend deve violare con decisione area tecnica di resistenza @1.950$ e successivamente @1.980$, per rivedere poi le quotazioni over @2.050$. Supporti stabili @1.850$ e successivamente @1.800$. Aspettiamo conferme di breve.
• NICKEL – Su start settimanale registra un +2% e trova la forza per tornare a ridosso dell’area tecnica di resistenza @12.500$. In caso di decisa violazione, next target confermato @12.800$ e successivamente 13.200$. Supporti weekly @12.000$ e successivamente @11.800$. Buona impostazione bullish. Buona volatilità. Indicatori tecnici al rialzo per breve-medio termine.
• PIOMBO – Conferma il quadro tecnico della scorsa settimana. Con la violazione del supporto tecnico settimanale dei @1.700$ ha aperto ad uno nuovo scenario tecnico di sostanziale debolezza di breve termine. Supporto settimanale @1.620/1.600$, ma in caso di cedimento troviamo i @1.570/1.550$ di breve. Resistenza confermata @1.700/1.730$ (vecchio supporto).
• STEEL – SCRAP: Lieve flessione la scorsa settimana, con ritorno in area @245/250$ sul contratto di maggio.
• IRON ORE: Stabile e poco mosso in area 84$.